Arte per pochi, arte per nessuno

In un editoriale apparso il 28 aprile su «Il Corriere della Sera» a firma dell’editorialista Vincenzo Trione (articolo disponibile qui), il giornalista ha toccato il tema della riscoperta dei musei e dell’arte all’epoca del distanziamento sociale. Non ci saranno più file né più caos. Nè più affollamenti davanti a statue o quadri. Non ci saràContinua a leggere “Arte per pochi, arte per nessuno”

Per ripartire, via i pregiudizi

Ho letto negli ultimi giorni un libro.  Si intitola «Gli altri» di Aisha Cerami, figlia di Vincenzo Cerami, scrittore e sceneggiatore. Raccontatore di storie, come amava definirsi, che ha firmato sceneggiature di film storici come «Un borghese piccolo piccolo» con Alberto Sordi e «La vita è bella», pellicola Oscar di Roberto Benigni.  Questo libro èContinua a leggere “Per ripartire, via i pregiudizi”

Napoli carta sporca

«Di solito quando qua viene la polizia non è bene accetta» chiede l’intervistatore. «Nun me facite parlà» risponde l’intervistato con la faccia tagliata da imbarazzo e disappunto. È questo il dialogo a cui hanno assistito, ieri sera, milioni di italiani nel corso dell’edizione serale del Tg andato in onda su Raiuno. Il servizio andato inContinua a leggere “Napoli carta sporca”

Sepolcri imbiancati

Facevo pulizia tra gli spam della mia posta elettronica. A un certo punto mi sono imbattuto in messaggi pubblicitari di diverse aziende (di cui non vi faccio il nome per ovvie ragioni) che parlavano dell’avvento di «una nuova normalità» per i tempi che stiamo vivendo. A volte, ed è un mio pensiero ricorrente, vorrei entrareContinua a leggere “Sepolcri imbiancati”

Librerie: basta ipocrisie

A partire da oggi librerie aperte in tutto il paese. Un’onda lunga di entusiasmo si è riversata sui social, esultando con la stessa foga dei sanculotti il giorno della presa della Bastiglia. Invece, no. Alcune aprono, altre no. Insomma: una torre di babele. Intendiamoci: la riapertura delle librerie, pur se monca, dovrebbe essere un segnaleContinua a leggere “Librerie: basta ipocrisie”

Mafia, spaghetti & mandolino

«Non vi aiutiamo perché la mafia aspetta i soldi da Bruxelles». In estrema sintesi è il contenuto di quanto apparso sul giornale tedesco «Die Welt» Non vi aiutiamo perché le risorse europee non si possono sprecare in questo modo, finanziando la criminalità organizzata. Ora, che un giornale come il «Die Welt» – che non èContinua a leggere “Mafia, spaghetti & mandolino”

Siamo tutti Bordin

Quando questa storia ha inizio chi vi scrive ha poco più di un anno. Quali ricordi si possono mai avere a un anno? Quasi nessuno, in verità. Soltanto che, come uno straordinario passaggio spazio-tempo, ho rincontrato questo ricordo qualche giorni fa. Per caso. Navigavo sul mio smartphone. Su facebook, in particolare. A un certo puntoContinua a leggere “Siamo tutti Bordin”

Ricostruzione post Covid: quali scenari?

Portiamoci avanti col lavoro.  Quando l’emergenza da Covid-19 sarà passata cosa accadrà?  Non parlo solamente degli effetti che questo tsunami ha avuto e sta avendo sulle nostre vite.  Intendo parlare della ricostruzione post Covid-19.  Andranno ricostruiti o ammodernati ospedali, ampliate e potenziate strutture medico-sanitarie preesistenti, andrà rafforzato il personale che in queste stesse strutture lavora,Continua a leggere “Ricostruzione post Covid: quali scenari?”

Abbiamo visto un uomo

Un uomo cammina in una piazza deserta, il basolato annerito dalla pioggia, arrancando verso un agognato traguardo: un crocifisso di legno anch’esso lucidato dalla pioggia. Nonostante l’emergenza Covid-19, Papa Bergoglio ha voluto pronunciare la benedizione urbi et orbi ugualmente. Per milioni di persone, triste e sofferenti, quest’uomo che supera gli ottant’anni è stato una speranza.Continua a leggere “Abbiamo visto un uomo”